Homepage

Scopri le attività didattiche della fattoria per l’anno 2018

 

 

La fattoria della Meraviglia

Le prime fattorie didattiche in Europa nascono nei paesi scandinavi agli inizi del 1900. Nel 1970 si propagano anche in Gran Bretagna, ma solo negli anni 80, alcuni imprenditori agricoli costituiscono le prime fattorie didattiche anche nel nostro paese. Attualmente in Italia sono attive oltre 1700 fattorie didattiche concentrate soprattutto in Emilia Romagna, Veneto, Piemonte, Lombardia e Puglia.

La fattoria didattica della Meraviglia è sita in Pollenza (MC) in C.da Cantagallo n.2 in posizione collinare a circa 1,5 km dal centro urbano, in un panorama meraviglioso. Nelle giornate limpide ad sud-ovest si può ammirare tutta la catena dei sibillini fino al massiccio del Gran Sasso mentre a sud- est si arriva a vedere la linea del mare Adriatico presso Civitanova Marche- Porto S. Elpidio. L’azienda agricola della superficie di circa tre ettari è condotta dalla famiglia Mogetta, dal 1920 fino agli anni 70 in mezzadria, successivamente di proprietà. L’azienda con le sue colture a rotazione o “avvicendamento delle culture”, sistema introdotto in Europa agli inizi del 700 che consiste nel ruotare le culture appartenenti a specie diverse nello stesso appezzamento con significativi vantaggi, come: limitare in modo naturale lo sviluppo delle erbe infestanti,differenziare l’assorbimento degli elementi fertilizzanti e mantenere sotto controllo i parassiti è stata da sempre la tipica azienda improntata nel modello dell’autosufficienza alimentare della famiglia. Tuttora le coltivazioni presenti sono: ortaggi stagionali, cereali, foraggi, viti, olivi, alberi da frutto.

Nell’azienda sono presenti diverse varietà di alberi secolari: ornielli, querce, gelsi, e un filare di viti maritate con aceri campestri.
Nell’azienda sono allevati polli, faraone, oche, conigli, pecore, capre, maiali, è arrivato da poco anche un bellissimo pony di nome Pegaso. Vengono spesso a farci visita anche piccoli uccelli selvatici che nidificano liberamente sugli alberi sparsi e si cibano insieme ai polli della fattoria.

Gli scopi di intraprendere l’esperienza di “fattoria didattica” sono diversi:
Iniziare questa attività è anche un mezzo per valorizzare l’ambiente agricolo tenendo viva la piccola azienda con la presenza di bambini e ragazzi, i quali attraverso il contatto diretto, immersi in un clima di apprendimento attivo che favorisce nello stesso tempo anche un approccio più reale con il consumo degli alimenti fondamentali per la crescita, diano anche lo stimolo necessario per conservare un patrimonio famigliare e soprattutto un bene territoriale.
Con i laboratori preposti basati su attività pratiche ed esperienze dirette come: seminare, raccogliere trasformare e costruire si vuole offrire ai bambini e ragazzi delle esperienze uniche e la possibilità di conoscere da vicino un mondo spesso a loro sconosciuto ma essenziale per la loro vita, diffondendo cosi nelle nuove generazioni le tradizioni della cultura contadina, valorizzando anche i mestieri e la manualità dei nostri Avi che con il loro duro quotidiano lavoro hanno conservato queste terre. L’incontro tra gli operatori della fattoria e i suoi ospiti pone anche l’obbiettivo di lasciare un ricordo e trasmettere una reciproca emozione.